Offerta limitata fino al 09.06.2024 – Ricevi 2 pannelli gratis con ogni SolMate e risparmia 300€

Offerta lampo! -125€ su tutti i LightMate!

QUESTI SONO GLI INVERTER ED È COSÌ CHE FUNZIONANO!

Gli inverter sono una parte spesso trascurata, ma indispensabile di un impianto fotovoltaico. Questi rivestono una grande importanza in molti settori dell’elettronica e delle energie rinnovabili poiché consentono di integrare le fonti di corrente continua nella rete a corrente alternata, il che li rende indispensabili, soprattutto quando si utilizzano fonti di energia rinnovabile come gli impianti solari ed eolici. In questa guida abbiamo riassunto per voi quali tipi di inverter esistono, cosa potete aspettarvi in termini di costi e di manutenzione per un impianto fotovoltaico efficiente!

Inhaltsverzeichnis

Cos'è un inverter?

L’inverter è un dispositivo elettronico che converte la corrente continua (CC) in corrente alternata (CA), essenziale in molte situazioni poiché molti dispositivi elettrici funzionano a corrente alternata, mentre alcune fonti di energia, come gli impianti fotovoltaici e le batterie, generano corrente continua. La conversione avviene attraverso una variazione della polarità: la frequenza della corrente alternata è normalmente di 50 Hz, il che significa che la corrente cambia polarità 50 volte al secondo.

La funzione principale di un inverter nei sistemi fotovoltaici è quella di convertire la tensione continua in una tensione alternata sinusoidale conforme agli standard della rete pubblica, consentendo di immettere in rete le fonti di corrente continua.

Tipi di inverter

Esistono diversi tipi di inverter adatti a diversi dispositivi elettronici. Esistono anche diversi tipi di inverter adatti agli impianti fotovoltaici, tra cui:

  • Micro-inverter: noti anche come inverter a moduli, sono, come suggerisce il nome, destinati all’uso in impianti solari di piccole dimensioni. A differenza di altri inverter, convertono la corrente continua in corrente alternata per un solo modulo e non per una stringa o per l’intero impianto solare. Di solito, quindi, un impianto avrà tanti moduli fotovoltaici quanti micro-inverter. Questa tipologia è adatta all’utilizzo di moduli con rendimenti molto diversi, in quanto l’intero sistema non perde potenza quando i singoli moduli sono in ombra.
  • Inverter di stringa: sono adatti per impianti di piccole e medie dimensioni. Se diversi moduli sono collegati in serie, possono verificarsi perdite di potenza, motivo per cui spesso si utilizza un unico inverter per l’intera stringa. Se ci sono più stringhe, sono necessari anche più inverter di stringa, che a loro volta sono collegati a un inverter multi-stringa. Tuttavia, se una cella è in ombra, l’uscita di tutte le celle collegate si riduce, a differenza di quanto accade con i microinverter. Questo tipologia è la più utilizzata.
  • Inverter centralizzato: sono utilizzati nei grandi impianti solari per evitare di dover acquistare molti inverter a più stringhe, che sarebbero troppo costosi in termini di quantità. Questi convertono tutta la corrente continua di molti moduli solari in corrente alternata. Sono più efficienti dal punto di vista dei costi, ma richiedono un’attenta pianificazione e installazione e sono quindi più adatti a impianti di grandi dimensioni, come quelli utilizzati in agricoltura o nell’industria.
  • Esistono anche i cosiddetti inverter sinusoidali. Come suggerisce il nome, questi inverter generano una tensione di uscita sinusoidale molto vicina alla tensione della corrente elettrica. Sono adatti al funzionamento di dispositivi elettronici sensibili, poiché forniscono una tensione di uscita CA di alta qualità. Esistono anche inverter a onda sinusoidale modificata che generano un’onda sinusoidale modificata. Tuttavia, questa non è pulita come una vera onda sinusoidale. Sono più economici, ma non sono adatti a tutti i tipi di apparecchi e a volte possono causare problemi con gli apparecchi sensibili.

Quanto costa un inverter?

I costi variano a seconda del tipo di inverter. La qualità, la capacità di potenza o anche la marca sono fattori decisivi. In generale, tuttavia, si può affermare che maggiore è la potenza, più costoso è l’inverter. Tuttavia, i costi per kWh diminuiscono leggermente con l’aumentare della potenza. In media, il prezzo di un inverter solare da 4 a 10 kWp è compreso tra 800 e 2.500 euro, anche se alcuni sono disponibili anche a prezzi inferiori.

Inverter di piccole dimensioni (da 200 a 1.000 watt): come quelli utilizzati nelle automobili o per l’alimentazione di piccoli dispositivi elettronici, possono generalmente costare tra i 20 e i 300 euro, a seconda della qualità e della marca.

Inverter per abitazioni e uffici (da 1.000 a 5.000 watt): gli inverter per il funzionamento degli elettrodomestici o delle apparecchiature da ufficio possono costare da 200 a 1.500 euro, a seconda delle prestazioni e della qualità.

Inverter solari (da 1.000 a diverse decine di migliaia di watt): utilizzati negli impianti solari più grandi hanno prezzi molto diversi e possono costare da 500 a 5.000 euro o più, a seconda della capacità, della qualità e delle caratteristiche.

Inverter industriali (da decine di migliaia di watt a megawatt): tendono a essere più costosi e possono costare da migliaia a centinaia di migliaia di euro, soprattutto se si tratta di dispositivi specializzati e ad alta potenza.

Interventi e i costi di manutenzione

Gli interventi e i costi di manutenzione degli inverter dipendono da vari fattori, tra cui la tipologia, le dimensioni, l’utilizzo e l’ambiente.

Gli inverter hanno una durata media di circa 10 anni. Ciò significa che deve essere sostituito almeno una volta durante il periodo operativo dell’impianto fotovoltaico. Tuttavia, anche prima della scadenza di questo periodo, è necessario controllare regolarmente il funzionamento dell’inverter per garantire una durata il più lunga possibile.

Si raccomanda una manutenzione regolare dell’inverter per garantire prestazioni ed efficienza ottimali dell’impianto fotovoltaico. È possibile eseguire queste operazioni da soli, risparmiando così sui costi:

Ispezione visiva: un’ispezione visiva regolare dell’inverter consente di verificare che non vi siano danni visibili o segni di sporcizia. È inoltre necessario verificare che tutte le connessioni a spina siano collegate correttamente per evitare possibili difetti.

Monitorare la potenza: monitorare se viene prodotta l’energia prevista. Eventuali scostamenti nella produzione possono indicare problemi con l’inverter.

Pulizia: Per un raffreddamento ottimale, l’inverter e il suo sistema di raffreddamento devono essere mantenuti liberi da sporco e detriti.

Monitoraggio della ventilazione: assicurarsi che le fessure di ventilazione non siano bloccate, poiché una ventilazione adeguata è fondamentale per evitare il surriscaldamento.

Aggiornamenti software: assicurarsi che il software dell’inverter sia aggiornato per evitare errori o perdite di prestazioni.

Alcuni produttori offrono il monitoraggio online o il monitoraggio da remoto. L’inverter invia regolarmente messaggi di stato live, in modo da poter riconoscere ed eliminare immediatamente i guasti che potrebbero influenzare il rendimento.

La manutenzione dell’inverter viene solitamente effettuata nell’ambito della manutenzione generale dell’impianto fotovoltaico. I costi ammontano a circa 100-150 euro e dovrebbero essere effettuati ogni 2-4 anni. Inoltre, si consigliano riserve per eventuali difetti, riparazioni o una potenziale sostituzione.

Ecco alcuni fattori che possono generare costi per gli interventi di manutenzione:

  • Ispezioni regolari: gli inverter devono essere ispezionati regolarmente per garantirne il corretto funzionamento. Questa operazione può essere effettuata da personale specializzato o da tecnici.
  • Aggiornamenti del firmware: i produttori di inverter offrono occasionalmente aggiornamenti del firmware per migliorare le prestazioni e le funzioni o per colmare lacune di sicurezza. L’aggiornamento del firmware può rientrare nella manutenzione.
  • Sostituzione delle parti soggette a usura: alcuni inverter possono contenere parti soggette a usura, come ventole o condensatori, che devono essere sostituite nel tempo.
  • Garanzia e raccomandazioni del produttore: i produttori di inverter spesso forniscono raccomandazioni per la manutenzione e possono anche offrire condizioni di garanzia che richiedano determinati interventi di manutenzione per mantenere la garanzia.

I costi di manutenzione variano a seconda dei fattori sopra menzionati. È importante seguire le raccomandazioni del produttore dell’inverter e assicurarsi che gli interventi di manutenzione siano eseguiti correttamente per preservare la durata e le prestazioni dell’inverter. In alcuni casi, può essere consigliabile stipulare un contratto di manutenzione con un’azienda specializzata per garantire una manutenzione regolare in modo da eliminare tempestivamente eventuali problemi. Questo aspetto deve ovviamente essere preso in considerazione nei costi previsti.

Quali sono gli inverter più consigliati?

La scelta di un particolare inverter dipende da una serie di fattori, tra cui le dimensioni e il tipo di impianto solare che si desidera utilizzare, il budget a disposizione, le condizioni e i requisiti locali e gli obiettivi a lungo termine. Tuttavia, ci sono alcuni produttori di inverter affidabili che si sono guadagnati una buona reputazione nel settore. Eccone alcuni:

  • Envertech: è un pioniere nello sviluppo di microinverter dal 2015. Con sedi in Cina e in Europa, ha sviluppato microinverter di alta qualità che aumentano l’efficienza e sono facilmente personalizzabili. I nostri prodotti funzionano con i microinverter di Envertech.
  • Fronius: è un’azienda austriaca che produce inverter di alta qualità per impianti solari. Sono noti per la loro affidabilità e le loro prestazioni.
  • SMA Solar Technology: è un produttore tedesco di inverter, uno dei maggiori del settore. Offre un’ampia gamma di inverter per diverse applicazioni.
  • SolarEdge: è un’azienda specializzata in sistemi di ottimizzazione della potenza che comprendono inverter, ottimizzatori di potenza e monitoraggio. Sono particolarmente apprezzati per gli impianti con ombreggiamenti parziali o con diverse configurazioni di moduli.
  • Enphase Energy: è nota per i suoi micro inverter, sviluppati per sistemi con diversi moduli. Offrono un’ottimizzazione delle prestazioni e un’affidabilità elevate.
  • ABB: è un produttore di fama mondiale di inverter per diverse applicazioni, tra cui gli impianti solari.
  • Huawei: fornisce inverter e soluzioni di ottimizzazione dell’energia per impianti solari e si è costruita una solida reputazione nel settore.
  • Delta Electronics: è un altro produttore di inverter noto per la sua affidabilità.

Prima di scegliere un inverter, ci si può confrontare con un esperto o un professionista qualificato che possa valutare le vostre esigenze specifiche e formulare raccomandazioni in base ai vostri requisiti e al vostro budget. È inoltre necessario assicurarsi che l’inverter scelto sia conforme alle normative e agli standard locali.

Problemi e risoluzione

Nonostante l’accurata manutenzione, a volte possono verificarsi dei problemi. Ecco alcuni problemi comuni e come risolverli:

Nessuna generazione di energia: se l’inverter non genera energia, è consigliabile verificare che il cablaggio sia intatto e che l’inverter sia acceso. Verificare inoltre se sul display viene visualizzato un messaggio di errore.

Messaggi di errore: se sul display viene visualizzato un messaggio di errore, è possibile trovare nel manuale il significato dell’errore e le relative istruzioni per la risoluzione.

Surriscaldamento: il surriscaldamento dell’inverter può essere dovuto a una ventilazione insufficiente o a temperature ambientali troppo elevate perciò è importante che la ventilazione sia adeguata in modo da ridurre la temperatura.

Calo delle prestazioni: se le prestazioni dell’inverter diminuiscono, potrebbe essere dovuto a problemi di cablaggio o di sporcizia dei moduli solari. Anche in questo caso, può essere utile controllare il cablaggio e pulire i moduli per ripristinare le prestazioni.

Guasti esterni: I guasti elettrici nella rete possono influenzare l’inverter; in questi casi è consigliabile una protezione da sovratensione.

Durante la risoluzione dei problemi, è importante seguire le linee guida di sicurezza e, se necessario, rivolgersi a un professionista. Una manutenzione regolare e una rapida risoluzione dei problemi contribuiranno a prolungare la vita dell’inverter e a garantire le massime prestazioni del vostro impianto fotovoltaico.

Connessione alla rete e immissione

La connessione alla rete è il processo attraverso il quale l’elettricità generata dall’impianto fotovoltaico viene immessa nella rete elettrica. Ciò consente non solo l’autoapprovvigionamento, ma anche la possibilità di immettere in rete l’elettricità in eccesso. L’elettricità in eccesso viene immessa in rete dall’inverter.

In molti paesi e regioni esistono programmi per la remunerazione dell’elettricità in eccesso, noti come tariffe di immissione. Ciò significa che si riceve un risarcimento finanziario per l’elettricità immessa in rete.

Tuttavia, SolMate dispone di una tecnologia di misurazione proprietaria che riconosce se si sta utilizzando l’elettricità a casa. Ciò significa che SolMate fornisce elettricità solo quando la si utilizza in casa mentre il resto viene immagazzinato nel suo accumulatore di energia. Questa soluzione garantisce che il 100% della vostra preziosa energia solare venga consumata da voi stessi. Inoltre, poiché non immettete elettricità nella rete, non dovrete discutere con il gestore della rete per le tariffe di alimentazione.

Quali inverter consigliamo?

Noi di EET offriamo l’inverter Envertech nel nostro pacchetto completo. È l’ideale per i nostri pannelli e, grazie al limite massimo di immissione, garantisce un’immissione sicura senza doversi preoccupare di superare il limite di immissione (attualmente 800 watt in Austria e 600 watt in Germania). Inoltre, gli inverter dei nostri prodotti hanno una garanzia di 15 anni.

Oltre all’inverter di rete, SolMate include anche un cosiddetto inverter stand-alone. Questo permette di utilizzare il sistema solare in modalità stand-alone, cioè senza collegamento alla rete elettrica.

';